Rischiamo danni al fegato? Dipende

Tè verde rischioso? Efsa risponde: le catechine, alias gli antiossidanti contenuti nel tè verde, sono generalmente sicure.

La più abbondante si chiama EGCG, epigallocatechina gallato.

 Gli infusi di tè verde sono sicuri

Per quelli preparati con acqua calda o nelle bevande istantanee con simile contenuto di catechina

  • il consumo di EGCG varia tra 90 e 300 mg (arriva fino a 866 mg negli adulti forti consumatori)
  • non vi sono danni al fegato anche a consumi elevati.

Ma gli integratori a base di tè verde possono essere un problema

  • dosi di EGCG di 800 mg/giorno sono rischiose
  • potrebbero essere associate a iniziali segni di danno epatico secondo studi condotti sull’uomo (volontari sotto supervisione medica)

Ci vorrebbe un’etichetta più chiara

  • Efsa raccomanda comunque ulteriori studi sugli effetti delle catechine.
  • E un’etichettatura più chiara in particolare per gli integratori. Che riporti contenuto di catechine e possibili rischi per la salute.