Skip to main content

Un bicchiere di vino rosso non ci salverà dalla vecchiaia. Dopo tanti studi, ecco tutto quello che sappiamo di non sapere…

Il Resveratrolo, notissimo polifenolo, era una gran bella promessa: doveva allontanare l’invecchiamento e le malattie collegate.  Magari bevendo un bel bicchiere di vino rosso.  vino rosso e uva

L’antiossidante naturale, in realtà, non si trova solo nell’uva (le bucce) e nel vino. Anche in noccioline, mirtilli, cacao. E in oltre 70 specie di piante.

Cosa fa?  Le protegge da stress ambientali o attacchi fungini.

Protegge anche l’uomo? Molte promesse

Gli studi sono tanti. Dicono che il resveratrolo può prevenire, fra l’altro:

E poche certezze

I problemi sono diversi:

  • intanto la concentrazione. Per ottenere effetti positivi occorrono circa 300 mg/L. Il vino rosso ne contiene solo 7 mg / L.
  • E poi gli studi, sinora condotti su animali (es.ratti) e in vitro a dosi elevate.
  • Quei risultati sono validi anche per l’uomo? È presto per dirlo.
  • Infine la scarsa biodisponibilità: viene assorbito poco, è metabolizzato velocemente.

Meglio gli integratori?   

Dal cibo, o dal vino, non assumiamo dosi efficaci di resveratrolo. Possiamo farlo con gli integratori? Le incognite non mancano.

Sono da verificare:

  • la dose sicura ed efficace per l’uomo
  • gli effetti a lungo termine: nel bene o nel male.
  • l’origine della materia prima

 

Da dove viene la materia prima? 

 

Un post condiviso da SHOYO 轻氧 (@shoyo.my_peiyinn) in data:

Dalla Cina soprattutto.  Dove il resveratrolo viene estratto dalle radici di Polygonum cuspidatum o erba nodosa del Giappone.

Sconosciuta ai più. Non all’industria: l’estratto secco contiene 400 volte più resveratrolo dell’uva.

Qual è il problema? Che a volte nelle radici del Polygonum possono essere presenti:

  • contaminanti, come i metalli pesanti presenti nel suolo ed eventuali residui di pesticidi
  • emodina,  sostanza contenuta nel Polygonum, sospettata di causare disturbi gastrointestinali nonchè difficile da rimuovere.

E quindi? Nuove tecniche di estrazione

L’industria degli integratori rincorre il mercato e il consumatore che vuole materie prime “naturali” e sicure.

Lavora  quindi sulle tecniche di estrazione per garantire trans-resveratrolo di più elevata qualità: privo di contaminanti e ad elevata purezza. Scommette su:

  • sintesi chimica
  • estrazione per fermentazione.

Obiettivo, realizzare una filiera di approvvigionamento tracciabile e affidabile.

È già iniziata la nuova era del resveratrolo?

Join the discussion One Comment