Sì, secondo uno studio francese. No, per i nutrizionisti di Harvard. Meglio consumare più frutta e verdura

Mangiare soprattutto bio per evitare i pesticidi di sintesi nel piatto? E quindi ridurre i rischi di cancro? Sarebbe bello, ma la relazione causa-effetto non è così scontata.

Cosa dicono gli ultimi due studi?

  • sì, mangiare più bio riduce il rischio di cancro secondo i francesi di INRA e Inserm
  • no, è molto più efficace una bella dieta ricca di frutta e verdura per gli americani, nutrizionisti dell’università di Harvard.

La ricerca francese: -25% di rischio

Uno studio francese ha osservato tra i maggiori consumatori di bio:

  • una riduzione del 25% del rischio di cancro
  • un calo significativo dei linfomi
  • e dei tumori al seno in post-menopausa.

E perciò raccomanda di:

La ricerca vanta un campione molto ampio, ha coinvolto:

  • 68.946 volontari francesi
  • osservati dal 2009 e al 2016
  • il 78% donne
  • età media 44 anni
  • 16 diversi tipi di alimenti biologici tra cui frutta, verdura, prodotti caseari e di soia, carne, pesce e uova, cereali e legumi, pane, farina, oli e condimenti, vino, caffè e tè, biscotti, cioccolato, zucchero e persino integratori alimentari.

Ma Harvard dice che… 

Perché i nutrizionisti di Harvard hanno commentato, e criticato, lo studio francese? .

  • è basato sui diari alimentari dei soggetti: cosa hanno mangiato, con quale frequenza
  • mancano esami delle urine o del sangue per valutare l’esposizione ai pesticidi e correlarla con il consumo di cibo biologico.
  • la maggior parte del campione di maggiori consumatori di bio aveva già stile di vita più attento alla salute oltre a redditi, istruzione e lavori più elevati.
  • quindi comportamenti associati a un minor rischio di cancro: esercizio fisico, stop al fumo,  molti alimenti salutari come frutta e verdura.
bio e cancro: conta anche lo stile di vita

Morale

  • la dieta è più importante,
  • conta soprattutto il consumo di frutta e verdura, che siano bio o convenzionali non importa
  • il bio non è alla portata di tutte le tasche
  • i risultati sono preliminari e non sufficienti per modificare le raccomandazioni dietetiche sulla prevenzione del cancro.

È quello che già sostiene l’American Cancer Society.

In linea con un altro grande studio, britannico, su alimenti bio e cancro basato sui diari alimentari. È del 2014.  Cosa ha trovato?

  • rischio inferiore di linfoma non-Hodgkin tra le donne;
  • ma più alto tasso di tumori al seno tra le bio-consumatrici
  • nessuna riduzione complessiva del rischio di cancro.

frutta e verdura bio e rischio cancroPiù frutta e verdura: va bene, ma quali?

Questo è un altro problema. Ricordati dellasporca dozzina, alias, la lista di frutta e verdura più contaminata da pesticidi

  • e dei 15 più puliti, i clean fifteen
  • Meglio i prodotti locali? Sì, ma attenzione a che siano  davvero locali; e a come vengono coltivati
  • Infine, lavali sempre molto bene